Monday, 2 September 2013

Anna reviews: balsamo labbra fatto in casa con miele e limone

Mesi fa, durante un'attività formativa del servizio civile dedicata al consumo consapevole, ho partecipato a un mini laboratorio di autoproduzione di cosmetici, ovvero quello che normalmente in rete viene chiamato spignatto. La ragazza che l'ha diretto ci ha mostrato come fare dei balsami labbra, del deodorante e ci ha dato qualche ricetta per lo scrub, etc. Io mi sono portata a casa due balsamini e uno l'ho regalato ad Anna, che ha deciso di scriverne una review. Lascio la parola a lei, buona lettura!


Lieta di essere di nuovo umilissima ospite per presentarvi una cosina a cui sono particolarmente affezionata, ovvero il primo tentativo (riuscito!) di spignatto di Ere!
Prima di parlare di questo piccolo gioiellino però, mi permetto di fare un brevissimo excursus sulla mia personale esperienza riguardo ad un prodotto che ho scoperto essere croce e delizia di molte ragazze, ovvero il burrocacao.
Per quanto mi riguarda, il caso ha voluto che la svolta ecobbbio sia coincisa nella mia vita con il momento drammatico in cui ho sentito per la prima volta la necessità di un burrocacao. Prima c'erano stati i loro bravi Labello colorati o con filtro solare, tutti però durati all'incirca due utilizzi, prima di finire irrimediabilmente sotto il letto o in fondo a qualche borsa dimenticata. Meglio così, visto che sono fatti di petrolato e non servivano a niente. Durante l'inverno di un paio di anni fa la spavalderia da pubert mi ha lasciata e mi sono accorta che avere le labbra idratate faceva comodo, proprio mentre cominciavamo a muovere i primi passi nell'ambito delle marche Ecobio.

Per questo la mia prima scelta è stata il balsamo labbra Bottega Verde – per la precisione, della linea Olivo. La cosa bella, ha un inci perfettamente verde (analisi qui su Saicosatispalmi) – ed era il mio primo acquisto, praticamente a caso! Yeah! – La cosa brutta, c'è dentro una specie di aroma che dà l'impressione di aver mangiato una barretta di profumo solido per il bagno. Ovviamente, bocciato.
Il secondo tentativo è stato il blasonato balsamo labbra Lavera Basis Sentisitiv (inci qui su Saicosatispalmi), a mio modesto parere senza infamia e senza lode. Infine, e finalmente, siamo atterrate sui Burts Bees e sui Badger Balm, in particolare (per me) l'unscented lip balm della Badger (qui su Eccoverde). Quest'ultimo è sempre nella mia borsa, è piccolissimo e molto pratico da portare e da mettere. Idrata molto e non ha praticamente sapore, inoltre si presta anche da base per il rossetto o le matite labbra.

Tuttavia, in occasione di un minicorso di autoproduzione, Ere mi ha regalato una mini confezione di un balsamo labbra al miele e limone che abbiamo prontamente ribattezzato “Bacio della buonanotte”. :) Non poteva avere altro nome, davvero: è idratante, nutriente, protegge tutta la notte e ha un sapore e un profumo deliziosi.
Ho ricevuto questa piccola meraviglia in febbraio, e non sono più riuscita a farne a meno. Ho il sospetto che possa essere forse un po' troppo “ricco” per usarlo sotto un rossetto, ma per lasciare le labbra morbide e protette tutta la notte non lo batte veramente nessuno. Dà una bellissima sensazione, e limone e miele lasciano anche un'impressione dolce ma fresca. Inoltre la ricetta è piuttosto semplice.
C'è chi sostiene che l'olio di jojoba non sia proprio adatto a un prodotto labbra a causa della rapidità di assorbimento, ma personalmente devo dire che non ho riscontrato niente del genere. Per contro, il burro di cacao puro (presente nei Cocoa Butter Lip Balm Stick di Badger) mi rende le labbra secche come il deserto, motivo per cui mi trovo meglio con i balsami piuttosto che con i burri. Dipende dal tipo di pelle e dalle esigenze.

Ecco la ricetta utilizzata durante il laboratorio:
  • Due cucchiaini abbondanti di burro di karitè puro
  • Due cucchiaini abbondanti di olio di jojoba
  • Un cucchiaio circa di cera d'api
  • due gocce di olio essenziale di limone
  • mezzo cucchiaino di miele
Per una lista di ingredienti più precisa al grammo, vi consiglio questo post di Cotto e Sgolardato.

Sciolti burro, olio e cera a bagnomaria, si aggiunge il miele e si mescola di tanto in tanto. Tolto dalla fonte di calore il composto, si aggiunge l'olio essenziale, si mescola e prima che si solidifichi, va messo in un contenitore pulito preparato appositamente. Bisogna fare queste ultime operazioni molto velocemente. Le quantità usate bastavano per un paio di campioncini. Al posto di miele e olio essenziale, si possono aggiungere anche solo olii essenziali, l'importante è non superare i due olii alla volta se non si è esperti (menta ed eucalipto era un'altra accoppiata consigliata).

Adesso che il buco al centro del mio balsamino è notevolmente aumentato, Ere ha graziosamente ceduto alle mie insistenze e progettiamo di ripetere l'esperimento a breve, magari creando uno stick per un più pratico utilizzo! Nel frattempo non posso che consigliarlo anche a voi!

Che cosa vi pare? Usate anche voi qualche balsamo fatto in casa?

Alla prossima,
Anna & Ere K.

24 comments:

  1. mannaggia non ho la cera d'api :(((

    ReplyDelete
    Replies
    1. Anche io devo comprarla!! :D

      Delete
    2. In effetti la cera d'api è l'ingrediente più complicato da procurare pare... D'altro canto probabilmente è reperibile in erboristeria e forse anche al supermercato, oltre che ai banchetti del chilometro zero :)

      Delete
  2. Mi piace dilettarmi nei balsami labbra... avevo postato una ricetta sulp mio blog...
    Mille volte meglio di quelli comprati....

    ReplyDelete
  3. *_____* needo!
    Sì, lo ammetto, sono balsamo labbra-dipendente. Tolto il fatto che le mie labbra sono più secche della Death Valley dopo tre anni di siccità, è un prodotto di cui non riesco a fare a meno.
    Sono innamorata del BiMatCay, di cui però ignoro assolutamente l'INCI.
    L'idea di farne uno a casa mi stuzzica molto, ma ti chiedo: il miele si sente molto?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Se ne faccio a breve, uno è per te ^_^ mi vieni a trovare??? :D
      Non conosco questa marca, lo cercherò! :D
      Il miele non si sente tanto, è solo una combinazione dolcettosa con il limone :)

      Delete
    2. Patasbrulla!!! Guarda non ci siamo organizzate, ma ad averlo saputo per tempo mi sarei aggregata più che volentieri! E' solo che a ridosso di data coi treni era improponibile :/
      Bisogna studiarla bene :D

      Il BiMatCay l'ho trovato da Sephora, lo vendono singolo o in un quad con altri tre balsami (corpo, mani e non ricordo cos'altro). Costa uno sproposito, sugli 8€, ed è microscopico...ma il suo lavoro lo fa a dovere. A questo proposito non so se voglio saperlo, l'INCI. Ho un po' di timore :D

      Delete
    3. Gli inci sulle labbra intimoriscono anche me =_= Dai dai, vieni a trovarci che ti presentiamo Saffi e Peabody in person! :)

      Delete
  4. Ma che bello questo post!!! Anche io sono una spignattatrice, compro tutto da Aroma Zone per ora, dove danno anche le ricette, ma questa è interessantissima, ero alla ricerca di un balsamo verde ed eccolo qua!!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Alice!!! :D Uhh che bello, devo provare a vedere questo sito perché è famosissimo ma io sono lenta :D

      Delete
    2. Interessante, è un sito di materie prime? Contenta che ti sia piaciuto il post! ^___^

      Delete
    3. Sì, ci sono mille mila olii essenziali, olii vegetali, e altri ingredienti per lo spignatto (anche cere per fare candele e materiali per i saponi) Divertente, ma è in francese... se lo apri in inglese c'è un quarto delle cose O_o

      Delete
    4. Benissimo, cercheremo in francese! Grazie, Alice!

      Delete
  5. Io ho fatto il balsamo labbra di Lola, però anche questo sembra interessante... Devo provare!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Se provi fammi sapere come ti pare! :)

      Delete
    2. E poi non serve laboratorio galenico per farlo :P Scherzi a parte, curiosa anche io, fateci sapere...

      Delete
  6. Ora ho l'immensa necessità di provare *-*
    e come si creerebbe, in stick?
    Stavo pensando di provare a farne qualcuno per un'amica burrocacao-dipendente ^^

    ReplyDelete
    Replies
    1. Stesso metodo del campioncino, ma bisogna avere uno stick pulito. Se è un Labello, bisogna pulire bene e coprire il fondo per non farlo finire tutto in fondo dove non si recupera (conseguente spreco...). Se trovo info te le mando!

      Delete
    2. Che bello, speriamo si trovi bene!!!

      Delete
  7. Interessantissimo post, utile per questo inverno. Io che sono costantemente alla ricerca di un burro cacao. Quelli in circolazione o non servono a niente o mi fanno allergia (es.Labello che evito come la peste). Brava Ere, sempre piena di sorprese :D

    ReplyDelete
  8. Utilissimo! Proverò a farlo, senza balsamo per le labbra non posso più stare, ora sto usando il Burt's Bees; ho praticamente tutto già in casa (Burro di karitè da Aromazone anch'io, adoro quel sito). Tra l'altro sul flacone di Olio di Jojoba che ho (forse I Provenzali) c'è scritto che è consigliato sulle labbra come antietà o qualcosa di simile :)
    (e aggiungo "W lo spignatto")!

    ReplyDelete

I commenti sono i benvenuti!
Tuttavia qualsiasi commento contenente link al proprio blog, richieste di sub4sub o pubblicità, verrà cancellato. I commenti contenenti linguaggio o contenuti non appropriati non verranno pubblicati. Siate gentili e rispettate queste regole!

Feel free to leave a comment!
The comments that contain links, following request or advertising will be considered as spam. Unrespectful language and contents won't be published. Please respect these simple rules!